Autorizzazione integrata ambientale (A.I.A.)

emissioni in atmosferaL’autorizzazione integrata ambientale (A.I.A.) è il provvedimento che autorizza l’esercizio di un impianto o di parte di esso a determinate condizioni, che devono garantire la conformità ai requisiti del D.Lgs. 152/2006. L’AIA rappresenta la prima applicazione, rispetto al processo produttivo, di un nuovo approccio al controllo e alla prevenzione dell’inquinamento provocato dai grandi impianti industriali.

Infatti tale decreto si pone come obiettivo l’adozione di misure intese ad evitare oppure, qualora non sia possibile, a ridurre le emissioni nell’aria, nell’acqua e nel suolo, comprese le misure relative ai rifiuti e dirette a conseguire un livello elevato di protezione dell’ambiente nel suo complesso.
Il decreto disciplina inoltre il rilascio, il rinnovo e il riesame dell’Autorizzazione Integrata Ambientale degli impianti, nonchè le loro modalità di esercizio.

Cos’è l’approccio integrato?

Per approccio integrato si intende un metodo di prevenzione all’inquinamento e agli impatti ambientali che consenta di evitare il trasferimento di questi da un elemento naturale all’altro; si abbandona così una visione più settoriale dei provvedimenti autorizzativi che operavano per singola matrice ambientale.

Le difficoltà più  comuni per chi è sottoposto ad A.I.A.

Qualche problema che spesso si incontra:

Le migliori tecnologie disponibili (MTD): scelta ed adeguamento

Questo può essere uno degli aspetti più critici da affrontare. Nella scelta occorre infatti valutare le tecniche scegliendo il miglior compromesso tra:

  • Prestazioni ambientali: in genere, si valutano con riferimento alla capacità di ridurre le emissioni. In questa valutazione è importante tenere conto di ogni altro effetto collaterale che possa avere influenza negativa, o anche positiva, su altri recettori ambientali, oppure sulla salute e sul benessere degli uomini;
  • Applicabilità della tecnica nel contesto aziendale avendo ben presente la diversa situazione che si viene ad avere con i nuovi interventi e con gli interventi negli edifici esistenti.
  • Sostenibilità dei costi che vanno comparati con il reddito aziendale per verificarne la sostenibilità economica.

Va tenuto presente inoltre che le prestazioni di una MTD possono essere diverse in contesti ambientali e produttivi diversi. Per questo motivo spetta al consulente tecnico dell’azienda valutare quale delle MTD della lista di riferimento è tecnicamente applicabile nel contesto aziendale e dimostrare l’eventuale sostenibilità economica.
Va inoltre ricordato che, in aggiunta alle vere e proprie “tecniche”, in diversi contesti aziendali possono risultare consigliabili anche altri tipi di interventi o accorgimenti, di minore complessità e costo, che sono comunque in grado di mitigare, in molte situazioni, l’impatto ambientale dello stabilimento.

I contenziosi, i controlli e le sanzioni

Purtroppo le difficoltà di mantenere la propria azienda conforme agli obblighi ambientali sono tante e spesso complesse da affrontare: il rispetto delle condizioni, delle prescrizioni e delle scadenze contenute nell’AIA può diventare complicato e le autorità possono intervenire con controlli, diffide, sanzioni (penali e amministrative) o sospensioni.

controlli-ispezioni-Aia

Documentazione carente

In alcuni casi nella fase di richiesta di AIA (o anche nella fase di rinnovo) le autorità si trovano di fronte a relazioni tecniche carenti. Spesso anche relazioni di spessore elevato possono rivelarsi, ad un esame attento, carenti di contenuto tecnico e incomplete di parti essenziali.
Siccome l’autorizzazione si ottiene solo previa approvazione della relativa pratica, accade che lavori consegnati incompleti o non conformi a quanto richiesto dalla legge, comportino un ritardo, spesso anche consistente, rispetto ai normali tempi previsti per il rilascio dell’autorizzazione. Ciò comporta ricadute anche economiche sull’impresa richiedente a causa della mancata produttività.

Come possiamo aiutarti?

Noi siamo in grado di supportare le aziende soggette all’applicazione di tale Decreto in tutte le fasi necessarie per la richiesta, l’ottenimento e il mantenimento dell’Autorizzazione Integrata Ambientale.

“Ci siamo sentiti un pò persi!” quando ci è arrivata dalla Provincia una comunicazione che ci avvisava che entro 10 giorni avremmo dovuto richiedere l’Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.) o, in alternativa, avremmo rischiato sanzioni penali e sospensione dell’attività.

I tempi erano stretti, non sapevamo chi potesse essere in grado di affrontare questo lavoro in così poco tempo. Abbiamo deciso di contattare Kemis. E’ stato il nostro sollievo.

Siamo stati seguiti costantemente sia dal punto di vista tecnico che normativo ed abbiamo ottenuto l’autorizzazione in pochi mesi, superando gli intoppi incontrati durante le visite ispettive degli enti e la conferenza dei servizi.

Siamo davvero molto soddisfatti per i risultati ottenuti e per come hanno saputo gestire il rapporto con gli enti; sono molto preparati e ci hanno fatto sentire tutelati in ogni istante.

Se pensate di aver bisogno di aiuto per un problema ambientale, noi possiamo confermarvi che sono persone molto competenti e professionali che si impegnano fino in fondo per risolvere i vostri problemi ed ottenere risultati concreti”.

Grazie, Laura e Antonello!

Alberto e Simone Bimbi

Titolari di Azienda agroindustriale, Toscana