Scarichi idrici industriali

scarichi-chimici-industrialiLo scarico, ai sensi del D.Lvo 152/06 e s.m.i., è definito come qualsiasi immissione di acque reflue in acque superficiali, sul suolo, sottosuolo o in rete fognaria, indipendentemente dalla loro natura inquinante, anche sottoposte a preventivo trattamento di depurazione. La disciplina degli scarichi idrici presuppone l’obbligo dell’Autorizzazione prima della loro attivazione e il rispetto delle prescrizioni ivi contenute.
Gli scarichi provenienti dalle lavorazioni industriali, nella maggior parte dei casi, contengono sostanze inquinanti. Il D.Lgs. 152/06 e s.m.i. fissa i limiti di concentrazione di inquinanti ammissibili, al fine di salvaguardare l’ambiente e la qualità delle acque di falda e superficiali. In particolare vanno autorizzati:

  • I nuovi scarichi.
  • Gli stabilimenti che hanno cambiato ubicazione
  • Gli stabilimenti che hanno subito ampliamenti o modifiche tali da variare
    sostanzialmente le caratteristiche dello scarico.

Quali possono essere le difficoltà?

I problemi più comuni che si possono incontrare

La scelta del depuratore:

va sottolineato che il depuratore non si presenta come un obbligo giuridico per l’azienda poichè nel D.Lgs. 152/06 e s.m.i. il depuratore non appare mai espressamente imposto. Pur tuttavia l’installazione del depuratore oggi è, per così dire, una scelta obbligata a livello tecnico per il titolare dell’azienda perchè questi è tenuto a rispettare dei valori limite di concentrazioni di inquinanti e, per raggiungere questo obiettivo, è necessario dotarsi di un depuratore. Altre soluzioni, infatti, come la diluizione delle acque reflue prima dell’immissione nel corpo recettore sono proibite e quindi illegali.

Le responsabilità connesse alla scelta o alla gestione del depuratore ricadono direttamente sul titolare dell’azienda e per questo diventa fondamentale saper scegliere la tecnologia adeguata alle caratteristiche delle proprie acque reflue.

Come possiamo aiutarti?

Noi ti assistiamo sia per l’avviamento di nuove attività industriali sia nel mantenimento della conformità di attività esistenti: